• Staff Mediterraneo Capital Ltd

ANALISI DEI TITOLI EMESSI DALLA CARTOLARIZZAZIONE - Il mercato di collocamento delle ABS

La progressiva globalizzazione e l’affermarsi del mercato europeo hanno determinato cambiamenti sostanziali nella struttura dei mercati, nell’offerta e nel collocamento degli strumenti finanziari. Borsa Italiana, con l’obiettivo di rendere più competitivi a livello europeo i mercati regolamentati da essa gestiti e, in particolare, nell’ottica dello sviluppo del mercato delle obbligazioni e dei titoli di stato (MOT22), ha introdotto un nuovo comparto, denominato EuroMot, per la negoziazione di eurobonds, obbligazioni di emittenti esteri e asset backed securities.


Attraverso EuroMot, nato il 17 gennaio 2000, Borsa Italiana si pone l’obiettivo di ottimizzare la negoziazione di strumenti obbligazionari tramite l’ampliamento della gamma dei prodotti offerti, fornendo agli investitori prodotti facilmente accessibili e opportunità di diversificazione del proprio portafoglio e, agli operatori professionali, la possibilità di operare in un comparto nuovo ampliando i servizi offerti alla clientela.


Gli strumenti finanziari sono ripartiti per tipologia in tre segmenti di mercato:


• Segmento euro-obbligazioni: si intendono obbligazioni ed altri titoli di debito emessi da società o enti nazionali o esteri, assoggettati ad una normativa diversa da quella cui è sottoposto l’emittente e/o collocati in due o più Stati.

• Segmento ABS

• Segmento titoli di emittenti esteri


Naturalmente per entrare nel mercato EuroMot, gli strumenti appena citati devono rispettare precisi requisiti di ammissione. In particolare, per gli Eurobonds i requisiti e gli obblighi sono i seguenti :

- Il prestito deve essere di ammontare almeno pari a 15 milioni di euro24 e il rimborso del capitale non può in alcun caso avvenire ad un prezzo inferiore al valore nominale,

- L’emittente deve aver pubblicato e depositato i bilanci degli ultimi tre esercizi annuali, di cui almeno l’ultimo sottoposto a revisione contabile. Qualora sussistano ragioni particolari, Borsa Italiana può consentire la presentazione di un numero inferiore di bilanci,

- Nel caso di Eurobonds strutturati (indicizzati ad attività finanziarie quali azioni quotate in borsa in Italia o in un altro Stato ovvero indici azionari o valute), l’emittente deve fornire indicazioni sulle strategie di copertura del rischio, dimostrare la disponibilità in Italia delle informazioni sui prezzi delle attività prescelte per l’indicizzazione e prevedere un agente per il calcolo. Inoltre Borsa Italiana richiede che sia prevista l’effettuazione di rettifiche in occasione di eventi di natura straordinaria che riguardano l’emittente delle attività finanziarie sottostanti prescelte per l’indicizzazione.


Anche per l’emissione di Asset-backed securities, titoli emessi a fronte di operazioni di cartolarizzazione di crediti o di altre attività, c’è l’obbligo di rispettare alcuni requisiti descritti di seguito:


- Oggetto della quotazione è la singola tranche (ABS) dell’operazione di cartolarizzazione

- L’importo minimo della tranche è di 50 milioni di euro

- Rating obbligatorio minimo : investment grade; quindi, utilizzando la simbologia di S&P, l’intervallo che va dalla ‘tripla A’ a ‘BBB-‘

- Impegno dell’emittente a diffondere un’adeguata informativa sia in sede di quotazione che su base periodica (ad esempio report relativo all’attività di sorveglianza periodica del collaterale, segnalazioni di eventuali cambiamenti nel piano di ammortamento delle tranche)

- E’ prevista la presenza di almeno un operatore specialista che si impegni a sostenere la liquidità degli strumenti finanziari di cui è richiesta la quotazione. Il loro compito è quello di assicurare continuativamente, per gli strumenti di loro competenza, quotazioni in acquisto e in vendita con uno spread massimo e un quantitativo stabiliti da Borsa Italiana

Illustrate tutte le condizioni da rispettare per far parte di questo mercato, possiamo passare all’analisi del suo funzionamento.


Borsa Italiana ha scelto di utilizzare per le negoziazioni di EuroMot una nuova piattaforma che, oltre ad offrire un alto livello di affidabilità ed efficienza operativa, consente di realizzare un collegamento tra mercato all’ingrosso e mercato al dettaglio con un conseguente potenziale aumento della liquidità e dei volumi di negoziazione oltre che del numero di operatoti presenti sul mercato. Alle negoziazioni sono ammessi tutti gli operatori autorizzati che presentino apposita domanda a Borsa Italiana; gli operatori già ammessi ad uno dei mercati gestiti da Borsa Italiana dovranno sottoscrivere esclusivamente una domanda semplificata.

A questo proposito EuroMot presenta una microstruttura di tipo misto, nella quale operano sia broker (operanti per conto terzi), sia dealer (banche ed imprese di investimento che agiscono per conto della clientela o per proprio conto).


Le transazioni all’interno di questo mercato scaturiscono dall’incrocio delle proposte di negoziazione (PDN) degli operatori, e possono essere effettuate dalle 9.00 alle 17.30. Le PDN sono automaticamente ordinate per ciascuno strumento in ordine di prezzo, decrescente se in acquisto e crescente se in vendita, nonché, a parità di prezzo, in base alla priorità temporale. Al fine di perseguire l’obiettivo di trasparenza del mercato, durante la fase di negoziazione saranno rese disponibili al pubblico, in tempo reale, tutte le informazioni relative all’andamento delle contrattazioni. In particolare, per ogni strumento finanziario saranno disponibili prezzi e quantità delle migliori proposte in acquisto e in vendita, le quantità presenti in acquisto e in vendita per i migliori livelli di prezzo, il prezzo dell’ultimo contratto concluso con l’indicazione dell’ora e della relativa quantità negoziata.

Borsa Italiana quindi ha offerto una nuova opportunità per l’investimento obbligazionario, definendo, per ciascun titolo, lotti minimi di negoziazione avendo come obiettivo quello di far incontrare esigenze di funzionalità e di agevole accesso per gli investitori finali, privati ed istituzionali, unite ad economicità e trasparenza nell’esecuzione degli ordini.

Fino alla fine di settembre 2004 l’EuroMot era un comparto destinato esclusivamente agli investitori istituzionali, mentre recentemente sono state introdotte le prime obbligazioni asset-backed accessibili anche ai privati. Il 30 settembre infatti, sono iniziate le negoziazioni di 3 serie di titoli ABS emessi dalla società veicolo S.C.I.P. S.p.a. a fronte della cartolarizzazione degli immobili effettuata dall’Inps.

Per la prima volta dunque il mercato delle ABS sarà aperto anche ai risparmiatori, dato che il taglio minimo negoziabile sarà di mille euro. Borsa Italiana in questo modo amplia l’offerta dei prodotti quotati e negoziabili sui propri mercati e dà la possibilità agli investitori di diversificare ulteriormente il proprio portafoglio.


Se sei proprietario di un patrimonio immobiliare e/o mobiliare che intendi mettere a reddito, contattaci


LA CARTOLARIZZAZIONE : ASPETTI GENERALI


1.0 Introduzione alla Cartolarizzazione


1.1 La struttura di un’operazione di cartolarizzazione

1.2 I soggetti coinvolti

1.2.1 L’originator

1.2.2 Lo Special Purpose Vehicle (SPV)

1.2.3 La Società di rating

1.2.4 Il Credit Enhancement

1.2.5 Figure per l’amministrazione e il controllo

1.3 Principali vantaggi ottenibili attraverso la cartolarizzazione

1.3.1 Benefici per l’originator

1.3.2 Benefici per gli investitori


1.4 Nascita ed evoluzione del mercato della Cartolarizzazione


ANALISI DEI TITOLI EMESSI DALLA CARTOLARIZZAZIONE


2.1 Caratteristiche generali

2.1.1 Le principali strutture di ABS

2.2 Il mercato di collocamento delle ABS


L’ASSEGNAZIONE DEL RATING NELLE OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE


3.1 Analisi dei dati e loro modellazione

3.2 Binomial Expansion Tecnique

3.2.1 Applicazione del metodo “BET” ad un gruppo di crediti


ANALISI DI UN’OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE :

4.1 Analisi del portafoglio di crediti iniziale

4.2 Emissione delle ABS

4.3 Forme di credit enhancement all’interno dell’operazione

4.4 Flussi dell’operazione


Conclusioni

Riferimenti bibliografici

13 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Mediterraneo

Capital

ABOUT

MEDITERRANEO-CAPITAL LTD

2nd Floor College House
17 King Edwards Road
RUISLIP, London
HA4 7AE
UNITED KINGDOM

Company number : 11866795

UTENTI ITALIANI
SOCIAL
facebook.png
linkedin.png
youtube.png
twitter.png

White Paper

Donations

1FU8GgkWzqVszGejba5WZrEtV81JRDMUJX (BTC)

0x84537Aebb831Ec69413184bb991c006d78282e8C  (ETH)

Xxh2VL7g6yDUXH6TxrJocD56xxmBFkXk7K (DASH)

Copyright © 2019 Mediterraneo Capital Ltd All rights reserved