• Staff Mediterraneo Capital Ltd

Il ruolo dell'Originator in una operazione di Cartolarizzazione

Aggiornato il: lug 10

All'interno di una operazione di Cartolarizzazione, l’Originator è il detentore originario delle attività. Ovvero il proprietario dell'asset che si intende mettere a reddito.


In Italia la legge 130/99 non pone limiti specifici riguardo alle caratteristiche di questo soggetto.

Può essere un soggetto di diritto pubblico o privato, un’impresa industriale o finanziaria, anche se la maggior parte di operazioni hanno visto in questo ruolo le banche. Poiché i costi di un’operazione di cartolarizzazione sono piuttosto elevati, risulta per l’originator più conveniente se i crediti da cartolarizzare hanno un volume notevole. Per questo motivo molte volte succede che sia composto da più soggetti che possono sfruttare in pool i vantaggi dell’operazione che diventa quindi “multioriginator”.


Essendo l’originator una figura dai molteplici volti, anche le classi di attivo da cartolarizzare sono di varia natura; alcuni esempi sono riportati nella tabella 1.1.


Tabella 1.1 Soggetti e tipologie di attivo adatti alla Cartolarizzazione

La lista proposta non è esaustiva, le tipologie di credito adatte ad essere cartolarizzate sono tra le più svariate e la gamma dei possibili originator è così ampia che persino persone fisiche hanno partecipato a tali operazioni.


Le caratteristiche che accomunano gli attivi da cedere sono :


- vita residua lunga (superiore ai 12 mesi o meglio ancora ai 24 mesi)

- discreta diversificazione (geografica, settoriale, socio-economica), al fine di ridurre la vulnerabilità del portafoglio ceduto rispetto all’andamento del contesto macroeconomico

- piano di rimborso chiaro e definito (Ad esempio la cartolarizzazione di attivi provenienti da carte di credito, proprio per i flussi di rimborso poco prevedibili e l’alta percentuale di insolvenza, non è ancora oggi di facile realizzazione.)

- singolarmente di modesta entità


Un aspetto che vale la pena sottolineare è la natura dei crediti da cartolarizzare. Questi possono essere in bonis oppure in sofferenza, cioè crediti caratterizzati da una situazione di insolvenza del debitore; la legge non specifica quali possano essere oggetto della securitization, quindi entrambi possono essere cartolarizzati.


Tuttavia le operazioni di cartolarizzazione di “Non Performing Loans” (NPL = crediti in sofferenza), anche se consentirebbero all’originator di eliminare dal proprio bilancio le posizioni maggiormente problematiche, sono un fenomeno sporadico. La causa è da ricercare nel fatto che cartolarizzare crediti in sofferenza non favorisce l’aumento del volume d’affari e l’espansione del mercato a causa del basso rating dei titoli emessi che li rende poco attraenti agli occhi degli investitori. Questa operazione quindi, se effettuata, ha il solo scopo di “pulizia” degli assetti di bilancio, migliorando alcuni indici. Solo effettuando operazioni su crediti in bonis c’è la possibilità di accrescere il mercato e renderlo competitivo, con operazioni periodiche da realizzare non appena il portafoglio che contiene i crediti performing abbia raggiunto una certa consistenza.


Nella maggior parte delle operazioni di cartolarizzazione, l’originator svolge anche il ruolo di Servicer, ma naturalmente necessita delle appropriate competenze e procedure dato che il corretto svolgimento di tale incarico risulta cruciale per il regolare andamento dell’operazione nel suo complesso.


Se sei proprietario di un patrimonio immobiliare e/o mobiliare che intendi mettere a reddito, contattaci


LA CARTOLARIZZAZIONE : ASPETTI GENERALI


1.0 Introduzione alla Cartolarizzazione


1.1 La struttura di un’operazione di cartolarizzazione

1.2 I soggetti coinvolti

1.2.1 L’originator

1.2.2 Lo Special Purpose Vehicle (SPV)

1.2.3 La Società di rating

1.2.4 Il Credit Enhancement

1.2.5 Figure per l’amministrazione e il controllo

1.3 Principali vantaggi ottenibili attraverso la cartolarizzazione

1.3.1 Benefici per l’originator

1.3.2 Benefici per gli investitori


1.4 Nascita ed evoluzione del mercato della Cartolarizzazione


ANALISI DEI TITOLI EMESSI DALLA CARTOLARIZZAZIONE


2.1 Caratteristiche generali

2.1.1 Le principali strutture di ABS

2.2 Il mercato di collocamento delle ABS


L’ASSEGNAZIONE DEL RATING NELLE OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE


3.1 Analisi dei dati e loro modellazione

3.2 Binomial Expansion Tecnique

3.2.1 Applicazione del metodo “BET” ad un gruppo di crediti


ANALISI DI UN’OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE :


4.1 Analisi del portafoglio di crediti iniziale

4.2 Emissione delle ABS

4.3 Forme di credit enhancement all’interno dell’operazione

4.4 Flussi dell’operazione


Conclusioni

Riferimenti bibliografici


42 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Mediterraneo

Capital

ABOUT

MEDITERRANEO-CAPITAL LTD

2nd Floor College House
17 King Edwards Road
RUISLIP, London
HA4 7AE
UNITED KINGDOM

Company number : 11866795

UTENTI ITALIANI
SOCIAL
facebook.png
linkedin.png
youtube.png
twitter.png

White Paper

Donations

1FU8GgkWzqVszGejba5WZrEtV81JRDMUJX (BTC)

0x84537Aebb831Ec69413184bb991c006d78282e8C  (ETH)

Xxh2VL7g6yDUXH6TxrJocD56xxmBFkXk7K (DASH)

Copyright © 2019 Mediterraneo Capital Ltd All rights reserved